GRANDE MELA: BLUE NOTE

Immagine 

 

Fin dalla sua istituzione nel 1981, Blue Note è diventato uno dei più rinomati jazz club del mondo e un’istituzione culturale nel Greenwich Village.  Proprietario e fondatore è Danny Bensusan che ha voluto creare un jazz club nel Greenwich Village che tratti meritevoli artisti con rispetto, pur consentendo di vedere i migliori musicisti jazz in un ambiente confortevole a stretto contatto.

Il jazz è senza dubbio la musica americana, e mentre Blue Note si sforza di preservare la storia del jazz, il club è un luogo dove la progressione e l’innovazione – sono incoraggiati e praticati su base giornaliera – le basi del jazz.

Blue Note è stato fondamentale per favorire lo sviluppo di musicisti locali del Greenwich Village, dando loro la possibilità di esibirsi in uno dei più bei luoghi del mondo. Attualmente, ci sono quattro Blue Notes situati in Giappone e uno a Milano, Italia.

Nel corso degli anni, Blue Note è stato un motore economico per il Greenwich Village, portando gli appassionati di jazz di tutto il mondo.

Ciò che rende Blue Note così speciale è che di notte, tutto può succedere.

Non è raro vedere artisti del calibro di Stevie Wonder, Tony Bennett, Liza Minelli, e Quincy Jones che vengono chiamati sul palco dal pubblico.

 

Since its inception in 1981, Blue Note has become one of the premier jazz clubs in the world and a cultural institution in Greenwich Village. Owner and founder Danny Bensusan had a vision to create a jazz club in Greenwich Village that would treat deserving artists with respect, while allowing patrons to see the world’s finest jazz musicians in a close, comfortable setting. Artists who had stopped playing in jazz clubs decades before, such as Sarah Vaughn, Lionel Hampton, Dizzy Gillespie, Stanley Turrentine, Oscar Peterson, Ray Brown, and Tito Puente, soon called Blue Note home.

Jazz is undoubtedly America’s music, and while Blue Note strives to preserve the history of jazz, the club is a place where progression and innovation – the foundations of jazz – are encouraged and practiced on a nightly basis.

Blue Note has been instrumental in encouraging the development of Greenwich Village’s local musicians by giving them a chance to perform in one of the world’s finest venues. Currently, there are four Blue Notes located in Japan and one in Milan, Italy.

Over the years, Blue Note has been an economic engine for Greenwich Village, bringing in jazz fans from all over the world.

What makes Blue Note so special is that on a given night, anything can happen. It is not uncommon to see the likes of Stevie Wonder, Tony Bennett, Liza Minelli, and Quincy Jones get called up on stage from the audience to sit in. Blue Note gives artists the musical freedom they deserve, and jazz fans get a chance to see the most unlikely combination of stars night after night on the Blue Note stage.

Advertisements

V°73

Image

A distanza di diverse stagioni V73 con le sue borse ironiche e intraprendenti si confermano come l’accessorio più glam e ambito del momentO.

Oltre ad essere comode, pratiche e capienti queste innovative shopping bag rappresentano l’alternativa low cost alle borse delle grandi maison incontrando e abbracciando il consenso di un pubblico sempre più variegato ed esigente!

Elisabetta Armellin, designer del brand in questione, grazie alla sua abilità di rinnovarsi costantemente introducendo materiali innovativi come il PVC e dettagli di eco-pelliccia, forme insolite e misure sempre nuove ha permesso alle sue creazioni di guadagnarsi il titolo di IT-BAG!

 

After several seasons V73, with her ironic and enterprising bags is confirmed as the most glamorous and coveted accessory of the moment.

Comfortable, practical and roomy these innovative shopping bag are the low cost alternative to the big fashion houses handbags, meeting and embracing the consent of an increasingly diverse and demanding public!

Elisabetta Armellin, designer of the brand, thank to its ability to renew itself constantly introducing innovative materials such as PVC and fur details, unusual shapes and sizes, allowed to her creations to earn the title of IT-BAG! 

NEW YORK FASHION WEEK: MARC JACOBS & J BRAND

Image

La New York Fashion Week 2013 è appena trascorsa, tutte le collezioni hanno calcato il palco più cool della Grande Mela e i pronostici sulle tendenze della prossima stagione autunno/inverno hanno lasciato il posto agli splendidi lavori di alta moda.

Volendo proporvi un assaggio prelibato che potesse accontentare i gusti di molti di voi, abbiamo selezionato due stilisti dallo stile unico che in questa occasione non hanno deluso le aspettative di nessunoMarc Jacobs e J Brand.

E’ stato sicuramente uno dei momenti più attesi della New York Fashion Week la sfilata di Marc Jacobs che ha mandato in passerella la collezione autunno – inverno 2013/2014. Tantissime le celebrities presenti nel front row: Miley Cyrus, Christina Ricci, Stefano Tonchi, Jessica Stam, Rachel Zoe, Sofia Coppola.

Una collezione in cui scendono in passerella le pelliccie, pezzi in stile pigiama e fasce di paillettes, oltre al topless e hot pant di una modella, una mossa abile e astuta da parte di Marc Jacobs che sa come far parlare di sè alla stampa internazionale.

Un gran finale con le modelle illuminate da una luce cinematografica color seppia, che rimanda al mondo dei sogni, immersi nella luce, i vestiti sembravano quasi essere in bianco e nero, poi le modelle riescono in passerella avvolte questa volta da luce naturale.

L’ispirazione della collezione rimanda alla notte, ma intesa quasi come un sonnambulismo chic, un’eleganza rilassata, quasi nostalgica, con pigiami da sera in lamé e ricami di cristallo scintillante, micro-paillettes su abiti, cappotti e giacche. Marc Jacobs veste la moda della stessa materia dei sogni.

 

J Brand propone pallide modelle vestite di una gamma cromatica che dal nero al grigio al bianco lascia che la fantasia si sbizzarrisca più sui tessuti e sul design che sul colore.

Il risultato è un look aggressivo ma comunque molto femminile, che ci ricorda come la bellezza possa declinarsi in molteplici sfumature.

 

New York Fashion Week 2013 has just passed, all the collections have trod the stage coolest of the Big Apple and predictions on trends for the coming autumn / winter season have given way to the splendid work of high fashion.

Wanting to offer a delicious taste that could satisfy the tastes of many of you, we have selected two designers with a unique style that on this occasion did not disappoint the expectations of anyone, Marc Jacobs and J Brand.

It ‘was definitely one of the highlights of New York Fashion Week fashion show of Marc Jacobs who sent the catwalk collection autumn – winter 2013/2014. Lots of celebrities in the front row: Miley Cyrus, Christina Ricci, Stefano Tonchi, Jessica Stam, Rachel Zoe, Sofia Coppola.

A collection in which the furs down the catwalk, style pieces pajamas and bands of sequins, as well as topless and hot pants of a model, a smart and clever move by Marc Jacobs who knows how to talk about themselves to the international press.

A grand finale with models illuminated by a light sepia film, which refers to the dream world, immersed in light clothes seemed to be almost black and white, then the models on the catwalk fail this time wrapped in natural light.

The inspiration of the collection refers to the night, but understood almost sleepwalking as a chic, relaxed elegance, almost nostalgic, with pajamas Evening lamé embroidery and sparkling crystal, micro-sequins on dresses, coats and jackets. Marc Jacobs dress fashion of the stuff of dreams.

 

J Brand offers pale Models dressed in a range of colors from black to gray to white to let the imagination sbizzarrisca more about fabrics and design that color.

The result is an aggressive but still very feminine, which reminds us that beauty can be declined in many shades.

CHRISTOPHER KANE

Image

Le sfilate di Christopher Kane sono come una caccia al tesoro: un percorso misterioso, tortuoso ed enigmatico, disseminato di trappole, per arrivare a conquistare il senso spesso elusivo della sua ispirazione.

La ragazza pensata da Christopher Kane, che in passato ha sperimentato materiali e riferimenti pop, questa volta preferisce giocare con un guardaroba da signorina per bene.

 Il fiocco come elemento decorativo in varie dimensioni, macro sotto forma di pannelli sugli abiti dai colori pastello, effetto origami per gonne e abiti see-through, lezioso su stampe tappezzeria.

Il nastro è anche quello adesivo, usato, in maniera ironica e irriverente, su capi Continue reading

PERCHE’ SANREMO E’ SANREMO

Image

Mettiamo da parte le polemiche sull’intervento di Maurizio Crozza e concentriamoci sulle cose serie: gli outfit dei cantanti e degli ospiti di questo sessantatreesimo Festival della canzone italiana.

Vere ambasciatrici della moda e del buon gusto (?) sul palco del teatro Ariston. La padrona di casa Luciana Littizzetto ha sfoggiato tre diversi abiti firmati Aquilano Rimondi, brand dei due stilisti Tommaso Aquilano e Stefano Rimondi.

Primo abito total black con piume e Swarovski che si trasforma: da principesco diventa un minidress. Bella l’idea, peccato che nel momento della trasformazione si siano viste anche le scarpe. Caro Rizieri, ci dispiace dirlo ma delle scarpe così Continue reading

LIBERTE’ EGALITE’ PANTALON POR FEMMES PARISIENNES

Image

Le donne francesi possono finalmente camminare lungo le vie di Parigi vestendo i pantaloni, senza la paura di essere accusate di illecito. Lo scorso giovedì, il Ministero dei diritti delle donne ha infatti abrogato implicitamente una legge datata 7 novembre 1800 – e intitolata “Ordinanza sull’abbigliamento delle donne” – che vietava alle parisiennes di indossare i pantaloni.

“Questa ordinanza è incompatibile con il principio dell’uguaglianza tra donne e uomini, scritto nella Costituzione e con gli impegni europei della Francia, nello specifico il preambolo alla Costituzione del 1946, l’articolo primo della Costituzione e la Convenzione europea dei diritti dell’uomo”, recita la pronuncia del ministro Najat Vallaud-Belkacem.

In estate, era stato il senatore dell’UMP Alain Houpert a ricordare che era “ancora in vigore” il testo secondo cui “ogni donna Continue reading

MARCO BOLOGNA

Image

 

Ogni volta è sempre una sorpresa, ogni volta “mi perdo” in mezzo a tutte quelle bellissime proposte. “Nuovi” stilisti, sicuramente meno conosciuti e commerciali, stilisti che vengono considerati di nicchia, stilisti che io ho sempre amato e apprezzato.

Incredibilmente innovativi le loro creazioni “emanano” un’energia unica! Continue reading

STYLISH HOTELS: MISSONI HOTEL IN EDIMBURGH

Image

 

Oscar Wilde scriveva che “Il vero segreto della vita sta nella ricerca della bellezza”.

Se lo stile, il design contemporaneo e la ricerca del sublime vi appartengono, se per voi il viaggio è la ricerca non solo di luoghi da visitare, ma anche di angoli del mondo da scegliere e provare con i vostri cinque sensi, ecco una selezione di alcuni dei migliori alberghi “firmati” in Europa.

Pensati da stilisti e designer all’ultimo grido, Continue reading