PERCHE’ SANREMO E’ SANREMO

Image

Mettiamo da parte le polemiche sull’intervento di Maurizio Crozza e concentriamoci sulle cose serie: gli outfit dei cantanti e degli ospiti di questo sessantatreesimo Festival della canzone italiana.

Vere ambasciatrici della moda e del buon gusto (?) sul palco del teatro Ariston. La padrona di casa Luciana Littizzetto ha sfoggiato tre diversi abiti firmati Aquilano Rimondi, brand dei due stilisti Tommaso Aquilano e Stefano Rimondi.

Primo abito total black con piume e Swarovski che si trasforma: da principesco diventa un minidress. Bella l’idea, peccato che nel momento della trasformazione si siano viste anche le scarpe. Caro Rizieri, ci dispiace dirlo ma delle scarpe così brutte non si vedevano dai tempi degli zoccoli Dr Scholls. Cambio d’abito (ed anche di smalto a tempo di record): minidress blu, ancora cristalli e calze coprenti, che rimarranno ben salde alle gambe della Littizzetto anche nel terzo outfit. Stessa regola vale anche per le scarpe, diventate ormai parte integrante dei piedini da fata di Lucianina. Abito verde e nero nello stesso stile dei precedenti per la terza parte della serata: confidiamo negli stilisti che vestiranno la conduttrice di Sanremo e nella loro bontà nelle altre serate per vedere abiti migliori. E gli outfit delle altre donne sanremesi?

Partiamo da quelle che non ci sono piaciute. Simona Molinari ha sbagliato periodo arrivando vestita da Mamma Natale: troppo rosso, troppo sbrilluccichio, troppo tutto. Anche troppo corto l’abito e spropositato il fiocco sulle scarpe (ovviamente rosse) degno dei migliori fiocchi sui pacchi regalo. Come direbbe Mara Maionchi: “Per me è NO!” Non stupisce e non colpisce nemmeno Ilaria d’Amico, un pò banale nel suo abito nero a sirena che però faceva un pò troppo l’effetto pancera. Stesso discorso per Chiara, senza infamia e senza lode nel suo completo casacca e pantalone color blu elettrico.

Valeria Bilello (ex veejay di Mtv) aveva un abito bianco in stoffa leggerissima, completamente bianco con profili neri paillettati che la facevano sembrare una dea greca. Il trucco e il parrucco in stile Rose McGowan erano molto belli. Non male.

Maria Nazionale, invece, fa categoria a parte: stretta in un abito fucsia, con una sola spalla a palloncino ed una fila di bottoni dalla spalla fino al polso da far invidia ai peggiori abiti da sposa, la cantante napoletana si merita il premio di “coraggiosa sanremese 2013″. Se il suo abito lo avesse indossato lo scorso anno Nina Zilli sarebbe stato un successo e sarebbe andato a ruba in tutti i negozi ma l’effetto “Zia Assunta” (una delle protagoniste del telefilm “La Tata”, ve la ricordate?) ha rovinato tutto. Scusaci Maria.

Si distinguono per glamour e stile la tennista Flavia Pennetta e le sorelle Parodi: la prima è apparsa in scena con un abito nero con applicazioni silver e gold con una profonda scollatura incorniciata da un’acconciatura molto morbida. Le seconde, invece, elegantissime nei loro abiti e, soprattutto, nelle loro scarpe gioiello. La regina dei fornelli di La7 Benedetta ha optato per un vestito beige in chiffon con bustino con decori argento mentre la sorella Cristina ha puntato tutto sul nero illuminato da applicazioni in cristalli. Senza ombra di dubbio le più belle della serata.

 

Let us put aside the controversy on the intervention of Maurizio Crozza and concentrate on the nitty-gritty: the outfits of the singers and guests of this sixty-Italian Song Festival.

True ambassadors of fashion and good taste (?) On stage at the Ariston Theatre. The hostess Luciana Littizzetto wore three different designer clothes Aquilano Rimondi, a brand of two designers Tommaso Aquilano and Rimondi Stefano.

First all-black dress with feathers and Swarovski turns: from princely becomes a minidress. Nice idea, shame that at the moment of transformation have also seen the shoes. Rizieri dear, sorry to say but the shoes so bad not seen since the days of hooves Dr Scholls. Change of clothes (and enamel in record time): blue minidress, yet crystals and opaque tights, which will remain firmly in the legs of Littizzetto in the third outfit. The same rule also applies to the shoes, which have become an integral part of the legs of a fairy Lucianina. Green dress and black in the same style of the previous for the third part of the evening: trust in the stylists who wear the host of Sanremo and in their goodness in the other evening to see best clothes. And the outfits of the other women Sanremo?

We start from those that there are liked. Simona Molinari wrong time coming dressed as Mrs. Claus: too red, too sbrilluccichio, too everything. Even the dress is too short and the enormous bow on the shoes (of course red) worthy of the best bows on gift packages. How would Mara Maionchi: “For me it is NO!” It is not surprising and does not affect either Ilaria d’Amico, a little trivial in her black dress mermaid but the effect was a little too pancera. Same goes for Clare, without infamy and without praise in his full coat and electric blue pants.

Valeria Bilello (former veejay on MTV) had a white dress fabric lightweight, completely white with blacks paillettati profiles that made her look like a Greek goddess. Makeup and wigs style Rose McGowan were very beautiful. Not bad.

Maria Nazionale, however, is separate category in a tight pink dress with one shoulder-to-balloon and a row of buttons from the shoulder to the wrist that are the envy of the worst wedding dresses, the Neapolitan singer deserves the prize ” courageous Sanremo 2013 “. If her dress she had worn last year Nina Zilli would be a success and would go flying off the shelves in the shops but the effect “Zia Assunta” (one of the stars of the show “The Nanny”, do you remember?) Has ruined everything. Sorry about Mary.

They are characterized by glamor and style tennis player Flavia Pennetta and sisters Parodi: first appeared on stage in a black dress with silver and gold applications with a plunging neckline framed by a hairstyle very soft. The latter, instead, very elegant in their clothes and, especially, in their jewel shoes. The queen of the kitchen La7 Benedetta has opted for a beige dress with chiffon bodice decorated with silver and her sister Cristina has bet everything on black lighted by applications in crystals. Without a doubt the most beautiful in the evening.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s